la convenzione ONU

Convenzione sui diritti del fanciullo (CRC)

La Convenzione sui diritti del fanciullo è stata approvata il 20 novembre 1989 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite (ONU). Essa garantisce i diritti dei bambini e dei giovani minori di 18 anni. In base alla Convenzione, tutti i provvedimenti che interessano l’infanzia devono tenere in considerazione in primo luogo il bene del bambino.

La Convenzione contiene

  • un divieto di discriminazione
  • il diritto del bambino a un’identità
  • disposizioni sulla separazione dai genitori e sullo spostamento illecito di bambini all’estero
  • la protezione dallo sfruttamento sessuale e dal traffico di minori
  • le classiche libertà fondamentali e il diritto a un processo, come pure i diritti economici, sociali e culturali.

Il Protocollo facoltativo riguardante la partecipazione di bambini a conflitti armati è volto a tutelare i bambini e i giovani in conflitti armati aumentando l’età minima prevista nella CRC per il reclutamento volontario e obbligatorio.

Il Protocollo facoltativo riguardante la vendita di bambini, la prostituzione infantile e la pedopornografia rafforza la tutela dei bambini di fronte allo sfruttamento sessuale.

Il Comitato per i diritti del fanciullo sorveglia l’applicazione della Convenzione. Gli Stati membri devono presentare regolarmente un rapporto. I due Protocolli prevedono pure la redazione di un rapporto quale meccanismo di vigilanza.

La Convenzione è stata ratificata da 193 Stati. La Svizzera vi ha aderito il 24.02.1997. Il Protocollo facoltativo sui bambini soldato è entrato in vigore in Svizzera il 26.07.2002, quello concernente il traffico di minori il 19.10.2006.

 

(Fonte: www.eda.admin.ch)

 

Scarica la Convenzione ONU sui diritti dei bambini (PDF)

Informazioni

ASPI

Fondazione della

Svizzera italiana

per l'Aiuto,il Sostegno

e la Protezione

dell'Infanzia

 

 

via Povrò 16

6932 Breganzona

 

T. 091 943 57 47

F. 091 960 06 27

E. info@aspi.ch

Newsletter

..